Ristrutturazioni e risparmio energetico, abolito obbligo comunicazione inizio lavori

ristrutturazioni-edili.jpgImportanti novità in fatto di detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie 36% e per il risparmio energetico 55% . Una recente nomativa, l’art. 7 del decreto sviluppo 2011, prevede infatti che non sia più necessario provvedere alla comunicazione preventiva di inizio lavori per poter ottenere il bonus.

L’abolizione dell’obbligo di comunicazione preventiva di inzio lavori si applicherà a tutti i lavori iniziati dal 14 maggio 2011. Inoltre, decade anche l’obbligo di indicare in fattura in modo separato il costo della manodopera.

Per ottenere quindi il bonus relativo al 36% per le ristrutturazioni edilizie e il bonus del 55% per il risparmio energetico sarà quindi sufficiente indicare nella propria dichiarazione dei redditi dell’anno successivo, i dati catastali dell’immobile. Inoltre se gli interventi sono stati realizzati dall’inquilino basterà indicare gli estremi di registrazione del contratto di locazione o comodato. La documentazione relativa agli interventi, che sarà stabilita da un prossimo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, dovranno essere conservati ed esibiti solo su esplicita richiesta.

Per quanto riguarda invece le imprese che eseguono i lavori di ristrutturazione, dall’ 1 luglio 2010 la ritenuta d’acconto passa dal 10% al 4%. Con la dichiarazione dei redditi l’impresa dovrà pagare la differenza d’imposta. Non si tratta quindi di un sgravio fiscale ma di un vantaggio finanziario.

Con tali modifiche si prova a far emergere il più possibile le attività in nero.

Leggi anche

Ristrutturazioni e risparmio energetico, abolito obbligo comunicazione inizio lavoriultima modifica: 2011-08-01T10:15:00+02:00da green-world

Lascia un commento