Tassazione conti correnti, libretti e buoni postali, quanto si paga?

affari, finanza, economia, conti correnti, tassazione conti correnti, libretti postali, tassazione libretti postali, buoni postali, tassazione buoni postali, deposito titoli, tassazione deposito titoliNovità in arrivo per la tassazione di conti correnti, libretti postali e buoni postali. Ma qual è la tassa da pagare per conti correnti e libretti postali oltre che buoni postali?

Iniziamo con il dire che la tassazione riguarda anche quegli investimenti che non necessitano di un deposito titoli. Se poi l’intestatario è un privato l’importo da pagare per conti correnti e libretti postali resta invariata ed ammonta a 34,20 euro l’anno. Inoltre se il valore medio di giacenza annuo presente sul conto corrente o sul libretto postale non supera i 5.000 euro allora l’imposta di Bollo viene azzerata.


Invece se l’intestatario del conto corrente o di un libretto postale è un’azienda l’attuale imposta di bollo di 73,80 sale a 100 euro.

Novità anche per i possessori di deposito titoli sui quali viene introdotta una tassazione proporzionale su tutte le attività finanziarie. Sono però esclusi i fondi pensione e i fondi sanitari, l’aliquota applicata è dello 0,1% per il 2012 e dello 0,15% dal 2013, con un importo minimo pari a 34,20 euro e un massimo di 1.200 euro.

Leggi anche

Tassazione conti correnti, libretti e buoni postali, quanto si paga?ultima modifica: 2011-12-21T10:36:00+01:00da green-world
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Tassazione conti correnti, libretti e buoni postali, quanto si paga?

  1. Tutto questo perchè chi ci ha governato negli ultimi 40 anni ha pensato a creare caste, lobby… che ora è difficile distruggere e che costano tanti soldi a noi ,perchè loro i soldi nostri se li sono rubati legalmente. doveva mandare a casa tutti Napolitano cambiare tutte le leggi che si sono fatte e poi al voto , na che nessuno dei presenti si candidi ..altrimenti nessuno dobrebbe andare a votare.

  2. Perchè quando le cose che ha detto “Domitomar” le dice Antonio Di Pietro tutti ridono di lui? Ci avete pensato che, mentre PD e PDL si sono dati la mano a sostenere il “Governo Monti”, lui è rimasto COERENTEMENTE all’opposizione?

    A buon intenditor … !!!

    Buon Anno a tutti !!!

    Giovanni Clemente

  3. Il procedimento che sta usando l’insigne Mario Monti é fallimentare (vedo es. Svizzero)inquanto impoverendo le TASCHE dei RICCHI & POVERI non ci potrà mai essere una qualsiasi RIPRESA (gli esempi sono tantissimi). Un VERO-BRAVO ECONOMISTA dovrebbe guardare un pò lontano da dove abitualmente vive, dovrebbe sapere-capire che per far risorgere (se questa é la VERA mira) la POVERISSIMA VECCHIA EUROPA (é inutile raggirarsi ipocritamente)resta da prendere in considerazione il far sviluppare in TUTTI i sensi di tutto il Mondo il Dimenticato,trascurato e ignorato CONTINENTE NERO. COME? QUESTO DOVREBBE ESSERE
    COMPITO DI CHI E’ VERAMENTE IN CRISI. “Se l’Italia ha ancora una dignità da difendere, se non bloccarlo, RITRATTARE il LACCHISMO verso l’U.S.A..” Anche per

Lascia un commento